• Via F.Delpino 101-103, 00171 Roma
  • info@apmimmobiliare.com
  • Chinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish
Risultati della ricerca

L’ APE (ATTESTATO PRESTAZIONE ENERGETICA) SI RINNOVA.

Postato da Angelo on 7 dicembre 2016
| 0

L’Ape, l’attestato di prestazione energetica che viene utilizzato per determinare l’ efficientamento degli immobili, cambia volto. Il 1° luglio 2015 ha debuttato la nuova certificazione. Sono, infatti, in dirittura d’arrivo le nuove linee guida nazionali che riscriveranno la normativa e che andranno a sostituire quelle emanate con il Dm 26 giugno 2009. Vediamo quali sono le novità.

Un Ape unico

Sarà introdotto un attestato di prestazione energetica unico semplificato riguardante tutto il territorio nazionale, con una metodologia di calcolo omogenea per la classificazione delle prestazioni energetiche. Le regioni si dovranno adeguare entro due anni. Verrà predisposto un sistema informativo comune per tutto il Paese (Siape), nel quale saranno raccolti tutti i dati relativi agli attestati di prestazione energetica affinché le regioni possano effettuare gli opportuni controlli.

I contenuti del nuovo Ape

Il nuovo attestato di prestazione energetica dovrà esprimere la prestazione energetica globale sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile. Sarà necessario specificare gli interventi da realizzare sull’ edificio distinguendo tra interventi di ristrutturazione edilizia e interventi di riqualificazione energetica. La classe energetica dovrà essere determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale, espresso in energia primaria non rinnovabile. L’Ape dovrà contenere i consumi energetici non solo per il riscaldamento invernale, ma anche per le attività di rinfrescamento estivo e dovrà riportare le emissioni di anidride carbonica e l’energia esportata.

Le classi energetiche

Il nuovo attestato di prestazione energetica comprenderà un maggior numero di classi energetiche. Si passerà, infatti, da sette a dieci: dalla A4 (la migliore) alla G (la peggiore).

Gli annunci

Sarà introdotto uno schema di annuncio di vendita e di locazione contenente informazioni uniformi sulla qualità energetica degli edifici. In tale schema saranno riportati anche gli indici di prestazione energetica parziali (come quello riferito all’ involucro, quello globale e la relativa classe energetica corrispondente). Verranno poi inseriti simboli grafici per rendere più facile la comprensione anche a chi non è un tecnico.

Entrata in vigore

Il nuovo Ape entrerà in vigore il 1° luglio 2015 e sarà applicato alle regioni e province autonome che non abbiano ancora provveduto a recepire la direttiva 2010/31/Ue.

Queste sono le novità contenute nella bozza definitiva di decreto contenente le linee guida nazionali per l’attestazione della prestazione energetica degli edifici redatte dal Ministero dello Sviluppo economico e pronte per essere pubblicate in Gazzetta Ufficiale.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.