• Via F.Delpino 101-103, 00171 Roma
  • info@apmimmobiliare.com
  • Chinese (Simplified)EnglishFrenchItalianRomanianSpanish
Risultati della ricerca

OGGI PARLIAMO DI VILLA GORDIANI

Postato da Angelo on 9 dicembre 2016
| 0

In questo secondo articolo, della mini serie, che abbiamo deciso di scrivere per far conoscere meglio ai nostri lettori i quartieri, dove operiamo con maggiore intensità parliamo di due quartiere attigui e simili sia nelle caratteristiche  che nella posizione.  Stiamo per farvi conoscere meglio Villa Gordiani e Villa De Santis.

Villa De Santis  rappresenta il quartiere più giovane, in termini di edificazione, di tutta la zona Casilina/Prenestina. Infatti gia dall’ esterno degli stabili presenti nel quartiere, notiamo caratteristiche tipiche costruttive di fini anni 70 inizi anni 80. Palazzine dotate di doppi ascensori e appartamenti con doppi servizi.

Oggi, insieme a villa Gordiani rappresenta uno dei più quotati quartieri della zona, soprattutto grazie alle caratteristiche sopradescritte.

Ricco di ogni tipo di servizio, come tutta la zona,

  • Scuole
  • Centri sportivi
  • Super mercati
  • Centro commerciale Primavera
  • Ospedali farmacie
  • Ristoranti e punti di ritrovo per i giovani del quartiere.

Facilmente raggiungibile attraverso le due famose consolari capitoline via Casilina e via Prenestina il quartiere ebbe un forte sviluppo con l’ inaugurazione dell’ omonimo parco nel 1994, inaugurato dall’ allora sindaco Rutelli.

Gli eventi che hanno preceduto la suddetta inaugurazione sono piuttosto tormentati e si sono prolungati per oltre 50 anni. Il tutto inizia nel novembre 1942 quando Filippo de Sanctis, lascia in testamento all’ Ente Comunale Assistenza di Roma la sua proprietà composta dalla villa omonima e dal relativo fondo rustico della superficie di 12 ettari.

Solo nel Gennaio 1950 la villa ed il fondo vengono effettivamente consegnate all’ente comunale. Una svolta decisiva per le sorti del futuro parco si ha nel 1981, sotto il governo del sindaco Luigi Petroselli, quando il Consiglio Comunale di Roma adotta la Delibera n. 553 del 31 marzo 1981 per la costituzione del Parco Pubblico Labicano.

Dopo battaglie legali durate ancora alcuni anni fra le istituzioni pubbliche ed i privati che occupavano i terreni e la villa, si giunge al Settembre 1994, anno in cui, non senza alcune tensioni, si dà inizio alle operazioni di sgombero da edifici e materiali che insistevano abusivamente sull’area. Successivamente l’area liberata viene bonificata e su di essa realizzato un giardino con un campo giochi attrezzato per bambini che viene inaugurato e reso disponibile ai cittadini nel Novembre 1994.

Da allora ad oggi sono stati fatti ulteriori interventi, fra cui la realizzazione di alcuni campetti sportivi, e sono state bonificate altre aree che si sono aggiunte alla prima. È stato restaurato il mausoleo di Elena ed è stato avviato il restauro della villa padronale.

Nel maggio del 2003 è stato inaugurato il Parco delle Sculture, composto da cinque opere d’arte contemporanea, poste in opera all’interno del parco.

Uno dei maggiori aspetti positivi per chi volesse abitarvi è sicuramente la forte concentrazione di scuole, sia d’ infanzia, primarie secondarie che licei site nel vicino quartiere Centocelle facilmente raggiungibile. Un altro punto a favore del quartiere è l’ innumerevole scelta di mezzi da poter usare per raggiungere il centro della città, la metro C con la fermata “TEANO”, presente nel quartiere, poi troviamo il tram Pantano Laziali che arriva fino alla centralissima stazione Termini percorrendo tutta la via Casilina. Innumerevoli sono le linee autobus che collegano il quartiere con le altre zone della capitale sia centrali che periferiche.

Villa Gordiani;

il quartiere Villa Gordiani prende il nome dall’ omonimo parco archeologico che sorge a ridosso dello stesso, all’ interno del quale ancora oggi vi sono i resti di una bellissima villa patrizia.

È un quartiere molto popoloso ed è considerato tra i più residenziali della zona, anche qui troviamo molti punti a favore, sicuramente chi vi ci abita lo ha scelto per la vasta tipologia di soluzioni abitative presenti, la fattura degli stabili è ottima.

I servizi presenti e fruibili nel quartiere sono numerosi:

  • Scuole
  • Centri sportivi
  • Super mercati
  • Ipermercati
  • Farmacie
  • Istituti di credito

Un po’ di storia…

Nasce come borgata ufficiale nel 1928-30 a ridosso del parco di villa Gordiani, dove si trovano i resti della residenza della famiglia imperiale Gordiani del III secolo.

Abitata da povera gente, circa 5000 persone, la borgata era costituita da gruppi di casette a un piano, costruite con materiali di risulta. L’acqua veniva presa da fontanelle poste in mezzo alle casette, mentre per i servizi igienici, sempre tra una casetta e l’altra, c’erano delle latrine pubbliche alla turca, con i canali di scolo ai lati, a scapito dell’igiene.

L’impianto planimetrico della borgata era regolato da una scacchiera di strade sterrate.I ragazzi avevano la scuola elementare più vicina, intitolata a Carlo Pisacane, in via dell’Acqua Bullicante, angolo via Policastro, che dovevano raggiungere dopo un percorso alquanto lungo, percorrendo via Cori e la stretta via Labico.

Negli anni ’80, dopo numerose manifestazioni di protesta con falò stradali sostenute dal Partito Comunista di quegli anni, la borgata venne abbattuta e gli abitanti indotti a trasferirsi nelle case comunali dell’estrema periferia, tra cui Tor Bella Monaca, dove ebbero condizioni di vita migliori.

Questo spazio venne presto occupato da gruppi di nomadi ai quali il Comune di Roma, negli anni novanta, fornì i servizi elementari e case prefabbricate decorose.

La borgata Gordiani è stata narrata nelle novelle di Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini.

Nella zona hanno sede diverse società sportive della capitale, tra cui figurano l’“Antel Villa Gordiani” con sede all’interno del parco, il      “Savio” ed il “Collatino“, oltre alla “Pro Roma“, società che ha visto crescere nelle proprie fila anche alcuni giocatori poi arrivati al successo          nelle serie maggiori.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.