• Via F.Delpino 101-103, 00171 Roma
  • info@apmimmobiliare.com
  • Chinese (Simplified)EnglishFrenchItalianRomanianSpanish
Risultati della ricerca

QUALI DOCUMENTI TI OCCORRONO PER VENDERE CASA A ROMA OGGI NEL 2017 ?

Postato da Angelo on 14 marzo 2017
| 0

Essere un’agente immobiliare, oggi è molto più difficile rispetto al passato, infatti con l’introduzione delle nuove normative è diventata una vera e propria sfida la professione di intermediario.

Ci riferiamo alle molteplici difficoltà che incontriamo oggi nel reperire tutta la documentazione inerente agli immobili che acquisiamo per la vendita.

A differenza degli anni del boom immobiliare dove la documentazione necessaria per perfezionare la vendita era sempre incompleta ma sufficiente, sia le banche che i Notai portavano a termine la vendita. Gli istituti di credito erogavano le somme necessarie ed i Notai stipulavano gli atti.

Oggi gli stessi Notai e Banche che vanno a stipulare l’atto definitivo di compravendita ed erogare mutui, sono diventati i più esigenti in campo burocratico, talvolta eccedendo nella documentazione richiesta.

Oltre alle difficoltà incontrate nei confronti dei sopra citati soggetti, un’altra difficoltà che si incontra nel reperire tutta la documentazione occorrente ai fini del rogito notarile è la vasta gamma di immobili che un professionista ha in gestione ( immobili residenziali, immobili nuovi, locali e negozi commerciali, cantine, box, terreni ecc.) ovviamente ognuno di questi immobili, tutti particolari e diversi tra loro, hanno una diversa documentazione necessaria da reperire per la compravendita finale.

Ma entriamo più nello specifico,

  1. Il primo documento necessario è ovviamente il cosidetto titolo di proprietà. Che può essere il più semplice rogito notarile ( quando si tratta di compravendita tra vivi). Il secondo titolo è la dichiarazione di successione ( nel caso di bene ricevuto in eredità da genitori zii ecc.). Il terzo è la donazione, su quest’ultimo titolo bisogna stare più attenti in quanto è un atto impugnabile da eventuali eredi legittimi, infatti su immobili provenienti da donazione molte banche ( in verità quasi tutte ) sono restie ad erogare mutui.
  2. Il secondo documento da fornire è il certificato catastale e la relativa planimetria rasterizzata, entrambe i documenti devono essere aggiornati.
  3. Il terzo documento è la concessione edilizia, con la quale il fabbricato è stato edificato.
  4. Il quarto documento è l’APE ( Certificato Prestazione Energetico) redatto ed asseverato da un tecnico abilitato.
  5. Il quinto ed importantissimo documento da fornire è la visura ipotecaria ventennale, nella quale viene specificata l’assenza di ipoteche, pignoramenti o atti pregiudizievoli.
  6. Il sesto documento è il certificato di destinazione urbanistica, nel caso di terreni.
  7. Il settimo è il certificato di agibilità, ove esistente, in caso di assenza del medesimo certificato, non necessario per la stipula dell’atto definitivo di compravendita, è opportuno mettere a conoscenza l’acquirente dell’assenza dello stesso ed è importante che vi siano i requisiti per poterlo richiedere successivamente, requisiti che possono essere:

 

  • Conformità Urbanistica.
  • Conformità degli impianti.
  • Accatastamento degli immobili.
  • Certificato di salubrità degli ambienti.

 

Ovviamente noi consigliamo di rivolgerti ad un professionista nel campo immobiliare, che sia in grado di aiutarvi a risolvere tutte le problematiche nel reperire la sopra descritta documentazione.

Contattaci per una consulenza GRATUITA e senza nessun impegno.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.