• Via F.Delpino 101-103, 00171 Roma

  • info@apmimmobiliare.com

  • Chinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
I tuoi risultati di ricerca

NO! NON COMPRARE QUELLA CASA E’ IMPICCIATISSIMA, SOTTO CI SONO UN SACCO DI PROBLEMI!

Pubblicato da APM sopra 7 Settembre 2020
| 0

NO! NON COMPRARE QUELLA CASA E’ IMPICCIATISSIMA, SOTTO CI SONO UN SACCO DI PROBLEMI!

Non ricordo nemmeno più quante volte ho sentito dire a persone (spesso anche professionisti del settore), di non comprare un determinato immobile perché era “impicciato”.

Il bello è che, nel 99% dei casi, chi dice una cosa del genere non ne sa nulla di mercato immobiliare e quindi della relativa regolarità di un immobile.

Più di una volta ho incontrato clienti che si sono fatti scappare letteralmente veri e propri affari ed immobili davvero molto belli per aver seguito questo tipo di consigli, da parte di chi davvero non capisce nulla di documenti e regolarità inerenti agli immobili.

Molto spesso capita che, pur di non tentare neppure di risolvere un problema molto complicato, anche un professionista del settore liquida un cliente dicendo di lasciar stare l’acquisto.

Quotidianamente mi capitano queste situazioni.

Uno dei casi più eclatanti mi è capitato su un immobile che ho venduto qui a Roma, in zona Largo Preneste più o meno due anni fa.

Per correttezza, prima di tutto ti dico che l’immobile in questione aveva davvero molti problemi da risolvere, sia urbanistici che a livello di ipoteche che gravavano sullo stesso.

Infatti, due agenzie che avevano trattato la vendita dell’immobile prima di me, dopo un paio di mesi, avevano mollato la presa non sapendo come districarsi per risolvere questi problemi.

L’appartamento in questione era un bilocale classico, 60 mq con ascensore e balconcino, dal quale si accedeva dalla cucina.

Lo stato interno era da ristrutturare e questo, oltre al fatto di essere gravato da molti problemi faceva sì che fosse sul mercato ad un prezzo davvero interessante.

Anche se c’erano dei lavori da fare, per la posizione e per la tipologia, era molto richiesto sul mercato e tutto sommato il prezzo che voleva realizzare la proprietà era al di sotto della media dei prezzi di zona.

Certo le problematiche di cui ti dicevo prima erano un bel deterrente per chiunque volesse comprarlo.

Problematiche che però non spaventarono ne me, come agente che trattava la vendita, ne l’acquirente che poi effettivamente ha comprato quell’appartamento.

I problemi che aveva questo immobile erano principalmente due, almeno quelli più gravi.

Il primo riguardava una domanda di condono mai portata a conclusione, presentata nel lontano 1989 senza mai aver ritirato la concessione in sanatoria.

Il secondo problema era un’ ipoteca giudiziale che gravava sull’immobile a causa di un debito con una banca mai saldato.

A rendere la trattativa per la vendita ancora più complicata inoltre, c’erano di mezzo due avvocati, uno della proprietà, l’altro della banca, che come potrai capire avevano tutto l’interesse di portare per le lunghe l’operazione.

Per la domanda di condono da ultimare grazie al mio geometra nel giro di un paio di mesi riusciamo a capire l’intoppo a risolvere il problema ed ad ottenere la concessione in sanatoria.

Cosa che costò alla proprietà circa 4.500,00 €.

Il problema più grosso riguardava però l’ ipoteca giudiziale che gravava sull’appartamento.

Il problema era non tanto l’ipoteca in sè e per sé ma i due avvocati delle parti che si erano messi di traverso e che come anticipato, come spesso accade avevano tutto l’interesse a portare per le lunghe la trattativa.

Grazie alla bravura, mia e del mio avvocato però, anche in questo caso riusciamo a trovare un accordo a saldo e straccio tra banca e proprietà per estinguere il debito e cancellare la benedetta ipoteca.

Comunque, per farla breve e portare a termine la trattativa, dopo aver combattuto con l’ USCE (ufficio speciale condono edilizio) per la concessione in sanatoria e aver speso 4.500,00 € per poter ottenere la concessione e dopo aver trovato l’accordo con la banca riusciamo ad avere la meglio.

Certo così descritta potrà sembrarti una cosa semplice ma ti assicuro che non è semplice dover districarsi in certe situazioni.

Specie combattere, non tanto con gli avvocati e i vari uffici legali delle banche, ma soprattutto con uffici pubblici, in questo caso l’USCE, dove quasi sempre ti ritrovi a dover parlare con impiegati davvero non all’altezza della situazione, maleducati incompetenti e fannulloni.

Comunque come si dice, alla fine tutto è bene ciò che finisce bene.

Riusciamo a portare a termine la trattativa, acquirente soddisfatto della sua nuova casa, venditore felice di avere risolto una grana che si portava avanti da anni con la banca, avvocati contenti per aver chiuso un contenzioso che andava avanti ormai da diversi anni e agenzia orgogliosa di essere riuscita ancora una volta ad arrivare (vendere un immobile risolvendo un infinità di problematiche), dove il 99% delle altre agenzie nemmeno si sognano di arrivare.

Con questo arriviamo alla fine di questo breve articolo, mi raccomando se ti ritrovi a voler acquistare un appartamento dove c’è qualche problema da risolvere non farti spaventare, a tutto c’è una soluzione.

Basta essere seguito da dei veri professionisti ed avere un po’ di tempo e pazienza.

Ti assicuro che spesso su immobili con questo tipo di situazioni si possono ottenere degli sconti sul prezzo iniziale davvero importanti.

Se invece sei nella situazione opposta (quella di dover vendere un immobile con qualche problema da risolvere) non abbatterti con un po’ di impegno si possono risolvere e vendere casa tranquillamente.

Confronta gli elenchi