• Via F.Delpino 101-103, 00171 Roma

  • info@apmimmobiliare.com

  • Chinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
I tuoi risultati di ricerca

ACQUISTARE UN APPARTAMENTO IN CONDOMINIO. 5 COSE DA SAPERE ASSOLUTAMENTE PER NON PRENDERE FREGATURE!

Pubblicato da APM sopra 29 Novembre 2018
| 0

ACQUISTARE UN APPARTAMENTO IN CONDOMINIO. 5 COSE DA SAPERE ASSOLUTAMENTE PER NON PRENDERE FREGATURE!

Ben tornati sul nostro blog,

oggi con questo articolo voglio mettervi a conoscenza di 5 cose da sapere (e verificare) prima di acquistare un’immobile in un condominio.

Ci sono molti aspetti positivi nell’ acquisto di un appartamento in uno stabile condominiale, spese di manutenzione contenute, visto che tutte le spese straordinarie vengono ripartite tra tutti i condomini, ma ci sono anche molti aspetti negativi sui quali stare attenti, che se non verificati possono darti molti problemi, in particolare per la mia esperienza è importante conoscerne 5.

Te li elenco qui di seguito.

#1 Assenza del regolamento di condominio.       

Sembrerà un’ovvietà ma la primissima cosa da controllare, magari direttamente con l’amministratore dello stabile e capire se c’è ed è regolarmente depositato un regolamento condominiale.

Potrà sembrarti strano ma, è possibile che non esista un regolare regolamento (scusa il gioco di parole) condominiale.

Non che la cosa sia gravissima ma è sempre opportuno verificare che ci sia.

Chiariamo subito una cosa però, anche se sarebbe obbligatorio depositare un regolamento nei condomini con più di dieci proprietari in assenza di ciò non vi è nessun sanzione e multa di sorta.

Un’altra cosa da chiarire è nel caso non ci sia un regolamento condominiale depositato e che ciò non va ad inficiare la commerciabilità di un immobile ubicato nel medesimo condominio.

In tal caso, di norma, si sempre riferimento al codice civile anche se sarebbe opportuno convocare un’assemblea con tutti i proprietari per discutere della stesura e del deposito di un regolamento.

#2 Accertarsi del regolare pagamento delle spese.

In questo caso, sempre ammesso che ci sia un amministratore ed un regolamento di condominio depositato, occorre verificare che l’attuale proprietario dell’immobile sia in regola con i pagamenti delle quote condominiali.

È buona norma farsi rilasciare su carta intestata dell’amministratore apposita dichiarazione che attesti quanto sopra descritto a tal proposito la maggior parte dei notai chiede copia di detta liberatoria da parte dell’amministratore stesso contestualmente alla firma dell’atto definitivo di compravendita.

Precisiamo però, che il notaio non ha nessun obbligo di controllare la regolarità di tutto ciò che riguarda il condominio.

Oltre la dichiarazione dell’amministratore è opportuno farsi rilasciare anche la copia del regolamento condominiale regolarmente depositato e delle relative tabelle millesimali. 

#3 Verificare che non ci siano in corso di approvazione o che siano già state deliberate opere di straordinaria manutenzione allo stabile.

Spesso nella mia carriera di agente immobiliare mi è capitato di vendere immobili dove erano già stati deliberati lavori di straordinaria manutenzione allo stabile condominiale.

Per fortuna, (nel mio caso più professionalità e serietà visto che è il mio lavoro) mi sono sempre preoccupata di verificare personalmente con l’amministratore l’esistenza di eventuali delibere straordinarie.

Anche se in rarissime occasioni, il fatto di vendere immobili ove era già stata deliberata un’opera di straordinaria manutenzione, mi è servita per chiudere trattative dove domanda ed offerta erano lontane.

Mi spiego meglio mi è capitato di vendere immobili dove la proprietà chiedeva € 150.000,00 e c’erano lavori straordinari per una quota parte di un’ importo di circa € 10.000,00.

L’offerta dell’acquirente era molto più bassa rispetto al prezzo richiesto e per raggiungere un accordo, l’acquirente si è fatto carico del pagamento delle spese straordinarie dal momento del rogito fino al saldo.

Anche se molto di rado capita una cosa del genere, in più occasioni mi è servita per portare a termine la compravendita.

Però bisogna tenere sempre presente che per legge tutto quello che riguarda opere straordinarie anche solo deliberate prima del rogito notarile rimangono a carico della parte venditrice.

Quindi controlla o fai controllare se ci sono delibere in corso o approvate, ragiona poi sul da farsi.

#4 Controlla sempre l’assenza di liti condominiali o contenziosi di qualsiasi sorta.

Come per il precedente punto 3 è sempre opportuno verificare o far verificare l’assenza di liti condominiali o contenziosi nei confronti da e verso terzi.

Specifichiamo che, una volta acquistato l’immobile, in mancanza di dichiarazione da parte dell’amministratore attestante la regolarità sia dei pagamenti ordinari straordinari e l’assenza di contenziosi quest’ultimo può chiedere il pagamento delle stesse ( rate arretrate e spese legai eventuali) all’ acquirente.

Per questo è importante verificare prima dell’atto definitivo di acquisto il regole pagamento sia delle quote ordinarie che di quelle straordinarie e non ultima l’assenza di cause liti o contenziosi di ogni sorta.

#5 Accertarsi che non ci siano vincoli e divieti di tenere animali domestici.

Quest’ultimo aspetto è quello più sottovalutato dai potenziali acquirenti.

Infatti molti acquirenti solo dopo l’acquisto di un’immobile vengono a conoscenza del fatto che, da regolamento condominiale è fatto divieto di tenere animali domestici.

Ai più, magari questo aspetto potrà sembrare ininfluente di poco conto, ad altri (quelli che magari amano gli animali e ne posseggono uno come me) invece, questo aspetto è di rilevanza notevole.

Per questo soprattutto se possiedi un animale domestico e stai cercando casa, una volta individuata quella che ti piace pensa anche al tuo amico a quattro zampe verifica se il regolamento condominiale vieta animali domestici, solo dopo decidi se acquistare casa o meno.

Siamo giunti alla fine di questo articolo, mi auguro con tutto il cuore di averti dato delle informazioni importanti, che ti aiutino a scegliere l’immobile giusto per te e che soprattutto ti indichi i giusti passi da compiere per verificare che il tuo nuovo  appartamento sia apposto anche con il condominio.

Un saluto e buon acquisto!

 

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronta gli elenchi